Inaugurato a Grugliasco stabilimento Maserati

A Grugliasco, alle porte di Torino, nello stabilimento Maserati, che è stato inaugurato ieri, oltre al presidente John Elkann, all'amministratore delegato Sergio Marchionne e al presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, sono arrivati anche il sindaco di Torino, Piero Fassino e il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota.

A sorprese, anche i lavoratori della Fiom questa volta hanno applaudito Sergio Marchionne, in particolare quando ha annunciato a Grugliasco l'assunzione entro l'anno di tutti i 1.000 dipendenti della ex Bertone.

Marchionne ha aggiunto che "Il mercato europeo dell'auto forse non ha toccato il fondo", ribadendo che "il nostro è un impegno serio e abbiamo una strategia precisa". "L'entrata in produzione della Ghibli e la successiva salita produttiva ci permetterà di assicurare un pieno impiego dei tutti i lavoratori dello stabilimento entro la fine dell'anno".

"Oggi è un giorno storico. Il 2013 segna l'inizio di una nuova era per Maserati". Marchionne ha aggiunto che le vetture che usciranno da Grugliasco "sono cruciali per riposizionare il marchio e avviare una fase di espansione senza precedenti".

L’ad di Fiat ha concluso precisando che “i risultati sono in linea con le aspettative, il gruppo sta bene” e confermando che "non chiuderemo stabilimenti in Italia".

Dal canto suo il presidente di Fiat John Elkann ha annunciato che "lo stabilimento di Grugliasco si chiamerà da oggi Avvocato Giovanni Agnelli Plant". 

  • Assegnate le “bandiere del gusto”
    Assegnate le “bandiere del gusto”

    Salgono al numero record di 4965 le “bandiere del gusto” a tavola assegnate all’Italia nel 2016 sulla base delle specialità alimentari tradizionali presenti sul territorio nazionale. È quanto è emerso all’Assemblea della Coldiretti con la presentazione dell’analisi Ixè sulle “Vacanze Made in Italy”. Sono 79 i prodotti che - sottolinea la Coldiretti - si sono aggiunti rispetto allo scorso anno e che sono andati ad incrementare sul territorio nazionale il patrimonio di specialità che sono ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni, secondo la sedicesima revisione del censimento dei prodotti agroalimentari tradizionali delle regioni...
    Continua a leggere

  • Lusso e food: per gli italiani vince il Made in Italy
    Lusso e food: per gli italiani vince ...

    Un’esperienza gastronomica in un hotel di lusso per gli italiani ha delle caratteristiche ben delineate, che molte volte stupiscono: lo svela una ricerca di Secret Escapes, il club di viaggi online specializzato in vendite flash per alberghi a quattro e cinque stelle e boutique hotel. La ricerca conferma che il concetto di lusso associato al cibo è squisitamente italiano: quasi la metà del campione (49,5%) pensa infatti al tartufo bianco e al Barolo, mentre il 36,8% del campione sceglie, come simbolo di cibo di lusso, caviale, ostriche e champagne. Inoltre, alla domanda “quale cibo ti concedi ogni tanto?”, il 48,6% ha scelto vino rosso italiano pregiato mentre il 36% si gratifica con un piatto di spaghetti all’astice...
    Continua a leggere

  • Restituiti all’Italia cinque beni archeologici
    Restituiti all’Italia cinque beni ...

    Una porzione di affresco e altri quattro beni archeologici risalenti al VI secolo a. C. sono stati restituiti alle autorità italiane. La direttrice dell’Ufficio federale della cultura Isabelle Chassot ha consegnato i cinque beni millenari alla rappresentante del Ministero dei beni e delle attività culturali italiano Jeannette Papadopoulos...
    Continua a leggere

Social Network & Meteo

Photogallery

panoramica 3
panoramica 2
panoramica 1
manor food
vini
momenti di degustazione
sommelier vino
vino