Inaugurato a Grugliasco stabilimento Maserati

A Grugliasco, alle porte di Torino, nello stabilimento Maserati, che è stato inaugurato ieri, oltre al presidente John Elkann, all'amministratore delegato Sergio Marchionne e al presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, sono arrivati anche il sindaco di Torino, Piero Fassino e il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota.

A sorprese, anche i lavoratori della Fiom questa volta hanno applaudito Sergio Marchionne, in particolare quando ha annunciato a Grugliasco l'assunzione entro l'anno di tutti i 1.000 dipendenti della ex Bertone.

Marchionne ha aggiunto che "Il mercato europeo dell'auto forse non ha toccato il fondo", ribadendo che "il nostro è un impegno serio e abbiamo una strategia precisa". "L'entrata in produzione della Ghibli e la successiva salita produttiva ci permetterà di assicurare un pieno impiego dei tutti i lavoratori dello stabilimento entro la fine dell'anno".

"Oggi è un giorno storico. Il 2013 segna l'inizio di una nuova era per Maserati". Marchionne ha aggiunto che le vetture che usciranno da Grugliasco "sono cruciali per riposizionare il marchio e avviare una fase di espansione senza precedenti".

L’ad di Fiat ha concluso precisando che “i risultati sono in linea con le aspettative, il gruppo sta bene” e confermando che "non chiuderemo stabilimenti in Italia".

Dal canto suo il presidente di Fiat John Elkann ha annunciato che "lo stabilimento di Grugliasco si chiamerà da oggi Avvocato Giovanni Agnelli Plant". 

  • Cala la produzione mondiale di vino
    Cala la produzione mondiale di vino

    L’Oiv (l’Organizzazione mondiale della vite e del vino) ha diffuso i dati produttivi 2014 che indicano in 271 milioni di ettolitri la produzione mondiale che significa una riduzione del 6% rispetto allo scorso anno. Un dato, come ha sottolineato a Parigi il direttore generale dell’Oiv, Jean Marie Aurand, decisamente inferiore rispetto alla stima di 287,6 milioni di hl che era stata fatta. nei mesi precedenti. Una diminuzione dettata soprattutto dalle condizioni climatiche avverse di Italia e Spagna, ma anche di tutto l’est europeo e, nell’emisfero opposto, del Cile. Andando più nei dettagli quest’anno la Francia con i suoi 46,2 milioni di hl (+10% rispetto al 2013) si riprende lo scettro di maggior produttore...
    Continua a leggere

  • Il Mezzogiorno a rischio di stravolgimento demografico
    Il Mezzogiorno a rischio di ...

    Nel 2013 al Sud i decessi hanno superato le nascite. Un fenomeno così grave si era verificato solo nel 1867 e nel 1918 cioè alla fine di due guerre, la terza guerra d'Indipendenza e la prima Guerra Mondiale. Lo rileva lo Svimez sottolineando che il numero dei nati al Sud ha toccato il suo minimo storico ovvero 177mila, il numero più basso dal 1861. Secondo il rapporto Svimez, il Sud sarà interessato nei prossimi anni "da uno stravolgimento demografico, uno tsunami dalle conseguenze imprevedibili". Secondo le stime dell'Istituto nei prossimi 50 anni il Mezzogiorno è destinato a perdere 4,2 milioni di abitanti. Lo Svimez stima per il 2014 un Pil nazionale in calo dello 0,4%. Una previsione più pessimista...
    Continua a leggere

  • Pari opportunità: la Svizzera perde punti
    Pari opportunità: la Svizzera perde ...

    Per quanto concerna le pari opportunità fra uomo e donna, la Svizzera non è più fra i primi dieci paesi. Nell'ultima indagine realizzata dal Forum economico mondiale (WEF) la Confederazione figura, infatti, all'undicesimo rango. Era al decimo posto nel 2012 ed al nono nel 2013. In testa quest'anno figurano ancora Islanda, Finlandia, Norvegia, Svezia e Danimarca. Fanalino di coda si conferma lo Yemen. In una nota il WEF spiega che la Svizzera è scesa di un posto perché altri paesi hanno compiuto progressi più rapidamente e perché ne sono stati presi in considerazione di nuovi. Nel primo "Global Gender Gap Report", del 2006, la Svizzera occupava il 26.mo posto. Quest'anno, oltre che dai paesi scandinavi... Continua a leggere

Social Network & Meteo

Photogallery

Assemblea CCIS 2014
Assemblea CCIS
Déjeuner italo-suisse
Filippo Lombardi
Déjeuner Zunfthaus zur Meisen
Déjeuner d
Déjeuner 20/06/2014
Dal Nastro