Inaugurato a Grugliasco stabilimento Maserati

A Grugliasco, alle porte di Torino, nello stabilimento Maserati, che è stato inaugurato ieri, oltre al presidente John Elkann, all'amministratore delegato Sergio Marchionne e al presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, sono arrivati anche il sindaco di Torino, Piero Fassino e il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota.

A sorprese, anche i lavoratori della Fiom questa volta hanno applaudito Sergio Marchionne, in particolare quando ha annunciato a Grugliasco l'assunzione entro l'anno di tutti i 1.000 dipendenti della ex Bertone.

Marchionne ha aggiunto che "Il mercato europeo dell'auto forse non ha toccato il fondo", ribadendo che "il nostro è un impegno serio e abbiamo una strategia precisa". "L'entrata in produzione della Ghibli e la successiva salita produttiva ci permetterà di assicurare un pieno impiego dei tutti i lavoratori dello stabilimento entro la fine dell'anno".

"Oggi è un giorno storico. Il 2013 segna l'inizio di una nuova era per Maserati". Marchionne ha aggiunto che le vetture che usciranno da Grugliasco "sono cruciali per riposizionare il marchio e avviare una fase di espansione senza precedenti".

L’ad di Fiat ha concluso precisando che “i risultati sono in linea con le aspettative, il gruppo sta bene” e confermando che "non chiuderemo stabilimenti in Italia".

Dal canto suo il presidente di Fiat John Elkann ha annunciato che "lo stabilimento di Grugliasco si chiamerà da oggi Avvocato Giovanni Agnelli Plant". 

  • Frontalieri ancora in aumento: in Ticino oltre quota 62mila
    Frontalieri ancora in aumento: in ...

    Nuovo record per quel che riguarda il numero di frontalieri, che a fine giugno hanno raggiunto la quota record di 62’458. Ancora una volta è stato registrato un importante incremento, rispetto al mese di giugno dell’anno precedente la progressione è stata del 6,5 percento. Nell’ultimo trimestre, l’aumento è stato di 2’154 persone. Secondo quanto indicato dall’Ufficio federale di statistica, in Svizzera complessivamente sono attivi 288’149 frontalieri. I frontalieri domiciliati in Italia sono 69’318, di cui, poco più di 62’00 sono lavorano in Ticino. Nel cantone, la parte preponderante è impiegata nel settore terziario, nel quale operano 35.752 addetti...
    Continua a leggere

  • Uri: italiano facoltativo online
    Uri: italiano facoltativo online

    Nel canton Uri, dal settimo al nono anno, vale a dire negli ultimi due anni della scuola dell’obbligo di grado superiore (Oberstufe), l'italiano viene proposto in modo generalizzato come materia d'insegnamento facoltativa. In nota del Dipartimento cantonale dell'istruzione e della cultura si legge che, affinché gli allievi dell'intero cantone possano approfittare di questa offerta, si punta sull'insegnamento a distanza, nel quale ovviamente internet svolge un ruolo centrale. Nello stesso comunicato si legge anche che "la Svizzera italiana viene spesso dimenticata" nell'attuale discussione sulle 'lingue straniere' e, in questo modo Uri intende fornire "un chiaro segnale a...
    Continua a leggere

  • Berna: sostegno al plurilinguismo
    Berna: sostegno al plurilinguismo

    Mentre dopo Turgovia anche Nidvaldo intende sopprimere l’insegnamento del francese nella scuola elementare da Berna arriva un segnale a sostegno del plurilinguismo elvetico. Il Consiglio federale ha infatti adottato nuove misure per rafforzare la promozione del plurilinguismo nell'Amministrazione federale. La revisione delle basi legali punta a migliorare la rappresentanza delle minoranze linguistiche, in particolare tra i quadri, ad ampliare le competenze linguistiche del personale e a facilitare l'accesso ai corsi di lingua. In una nota congiunta dei dipartimenti federali dell'interno (DFI) e delle finanze (DFF), si legge che In tal modo il governo intende dare il buon esempio e...
    Continua a leggere

Social Network & Meteo

Agenda

Photogallery

Assemblea CCIS 2014
Assemblea CCIS
Déjeuner italo-suisse
Filippo Lombardi
Déjeuner Zunfthaus zur Meisen
Déjeuner d
Déjeuner 20/06/2014
Dal Nastro